CartoMos 2WEB.jpg

 

DADCSMLVMC - Due Anni Di Cose Successe Mentre La Vita Mi Capitava

PITTURE E ALTRO DI LUIGI PENASA

18^ GIORNATA DEL CONTEMPORANEO - 8 OTTOBRE 2022

Come ogni anno lo Studio d'Arte Andromeda partecipa alla GIORNATA DEL CONTEMPORANEO promossa da A.M.A.C.I. - Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani,  arrivata alla sua 18^ edizione.

A molti di noi, per rabbia o noia, per curiosità o disperazione è capitato di immaginare un pezzo di mondo solo nostro, una sorta di rifugio dove riparare quando abbiamo bisogno di un’isola. Non è quasi mai per egoismo o rifiuto degli altri ma piuttosto come un’esigenza biologica di annusarci.

Vita da camera. Niente di nuovo per me. Solo l’obbligo, la consegna disposta da altri mi indispone. Comunque provo a farne un’esperienza di vita, provo a comunicare. Ho sempre avuto dentro me poche parole e molte immagini, un continuo flusso di visioni, anche magari poco coerenti, più che confuse: surreali, metafisiche così cerco di fissarle, disegno, dipingo, scrivo. Usando i colori per quello che sono: pura luce, desiderio di sole, di aria. Sempre alla ricerca delle immagini, dei volti che definiscano la voglia di libertà di quelle giornate sospese. Non molto più in là di quel preciso momento perché nulla resiste al mutare della luce, ne dentro ne fuori di noi. Questo sono stati quei giorni: dei tempi svuotati ma nello stesso momento tanto pieni da riempire pareti di “narrazioni” che ora cerco di condividere.

A quasi tre anni dall’inizio della Crisi Sanitaria non siamo certo sulla strada sicura di un ritorno alla normalità. Complice un imbarbarimento dei rapporti interpersonali non possiamo certo dire che ne stiamo uscendo migliori. Ora è come se si fosse aperta una crepa, una frattura tra il tempo prima e l’oggi. Un fossato che pare destinato ad allargarsi fino a cancellare come inutilizzabili i ricordi di ieri e facendoci vedere come irrealizzabili utopie i progetti pensati per domani. Allora credo che, prima di rassegnarci al pensiero pessimista di una nostra impossibile ripresa e abbandonarci questo senso di impotenza che ci prende dobbiamo (ri)uscire a riprenderci i nostri spazi, senza farci togliere il fiato dall’ansia di recuperare subito il tempo perso, senza rincorrere l’efficienza a tutti i costi ma lasciando spazio all’improvvisazione e al dubbio, in bilico tra il Kòsmos e il Càos.

Insomma mi espongo assieme alle mie opere per raccontare, in sintesi, questo momento della mia vita, stando ben attento a non pormi in primo piano come autore. La sincerità dei concetti espressi nelle cose esposte deve arrivare senza intermediari, come un’onda o come un colpo. Io prediligo la lentezza, l’immersione, anche in questo ciclo gli sguardi “sguarniti” dei ritratti saranno lì per invitare lo spettatore ad immergersi, lasciandolo libero di farsi coinvolgere o meno.

 

Inaugurazione:
Sabato 8 ottobre 2022 - Ore 18:00

Date:

Dall' 8 al 21 ottobre 2022

Orario

17:00 / 19:30  (Domenica chiuso)

Sede:

Studio d’Arte Andromeda

Via Malpaga 17, Trento